Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
30 marzo 2011 3 30 /03 /marzo /2011 16:46

28.3.2011

Dunque, vediamo… cosa possiamo iniziare a leggere ora?

Dopo “XY” di Sandro Veronesi, solido e ben scritto, dopo “sangue di cane” di Veronica Tomassini, che spero vinca lo Strega, dopo Carlo Feltrinelli, Fasanella, Zornetta ecc. devo innanzitutto evitare che si accatastino i volumi da leggere. Anche perché in prospettiva una certa quota di tempo di lettura verrà sottratto alla carta dai kilobytes, i quali non hanno volume, e pur costituendo un fatto positivo per le mie librerie overflowed, tuttavia richiedono esattamente lo stesso tempo di lettura. Inoltre non hanno bisogno del negozio di libri e non offrono lo spunto per fare una passeggiata in centro col cane. Siamo sicuri di migliorare la nostra vita di lettori?

 passegiata in centro

 Mah, in ogni caso tra ePub, PDF e Account vari (DRM ecc.) anche questi cominciano a farsi strada nella memoria virtuale. Per il momento devo dire che attraggono meno dei volumi cartacei che nel frattempo si accumulano, e questo succede perché non li vedo se non li cerco, non stanno lì, davanti agli occhi con tutta la loro immanenza; ma li vedo solo se accendo l’eReader e questo non avviene spontaneamente, devo scegliere, decidere di farlo. E così gli eBook perdono la priorità di lettura. Bisogna dire però che lo fanno con classe, con discrezione non sono per niente invadenti. Insomma, non ti accorgi che li stai sacrificando. E non provi il conseguente senso di colpa.

 

Ma torniamo al punto, cosa leggo adesso? Se voglio rispondere all’obiettivo volumetrico devo scegliere tra “Identità alla prova” di Alice Andreoli, “Clonazioni” di Maurice Wegnez, saggistica, oppure proseguire con la narrativa approdando a “histoire d’amour” che nonostante il titolo è scritto in italiano da Paolo Cherubini. Ma c’è anche “Accabadora” della Murgia, anzi, accidenti! Questo l’ha già letto mia moglie e sta lì fermo da mesi…

Se invece voglio rispondere all’obiettivo della memoria virtuale allora devo accendere l’eReader e considerare una lunga lista di eBooks acquistati o scaricati gratuitamente e non ancora letti… eccoli qua, sono più di un centinaio: da “La vampa d’Agosto” di Camilleri a “L’arte della guerra” di Sung Zu, passando per altri testi che rappresentano appuntamenti mancati di lettura, come Follet per esempio, La cruna dell’Ago, i Pilastri della Terra ecc. Mostri sacri che se ammetti in compagnia tra amici di non aver letto fai la figura di quello che in un Carosello degli anni settanta andava al bar e chiedeva “un brandy”… eh no, non bisogna essere così generali nella scelta, bisogna chiedere quello giusto e qui ci vuole quello che crea un’atmosfera.

 

Approposito di brandy… attacchiamo Cherubini, viah!

Condividi post
Repost0
27 marzo 2011 7 27 /03 /marzo /2011 01:32

 

Ok, cari amici “zerocomments”, partiamo subito con un testo che scuote l'anima: “sangue di cane “ , scritto da Veronica Tomassini. sangue di cane - libro

Ovviamente non è un romanzo banale, come non lo saranno molti di quelli che leggeremo qui, ma anzi, è certamente una lettura d'assalto, uno scontro tra il lettore emotivo e un romanzo che non risponde ad un piano di marketing editoriale, ma ad un forte impulso narrativo, al bisogno di liberare un'anima dannata!

 

Qui l’autrice, una siciliana dagli occhi intensi e la seconda di reggiseno, mette in gioco il proprio essere e ci offre  il vissuto di una storia forte, vera, amara, piena di desiderio e dedizione, ma anche e soprattutto sangue, vomito, merda e marginalità esistenziale. Questi elementi si fanno strada parola dopo parola e ricompongono una storia sconclusionata, ma magnetica, la storia della narratrice con Sƚawek, polacco semaforista. Etilista.

 

Non entro nella fabula e non faccio nessuna recensione. Io racconto un’emozione. E qui l’emozione è forte, come quando i movimenti dei visceri interni non dipendono più dalla volontà, ma vanno da soli.

 

Cosa mangerei con questo libro.

Aglio. Un trito finissimo col prezzemolo pestato e cosparso sulla polpa di tre o quattro pomodori cui sono stati tolti i semi e le parti dure… Dopo averlo lasciato pipare per una buona oretta e mezza, durante la quale bisogna leggere le pagine 36 – 100, lasciamolo stare a fiamma spenta per un’altra mezz’ora.

Intanto si riflette. …Cazzo, che scene!…: da San Paolo apostolo, la mensa della Caritas e quell’oscuro parco di Siracusa dove sulla panca il tunisino Yurek strappa a Tereza “i soliti gemiti cavernosi”, fino alla casa ordinata, la recita del bambino… mah! Che storie…

A questo punto, poi quando l’acqua per la pasta comincia il bollore, bisogna scegliere: fusilli, penne, oppure … Sì! Qui ci vuole pasta del sud, profondo sud. Propongo pasta calamarata. Sì, anche se andrebbe meglio col pesce. Infine, per apprezzare, ma anche per sdrammatizzare un po’ suggerirei del vino appropriato: direi un nero d’Avola. Anzi meglio stapparlo subito, che così si ossigena.

Poi la storia continua. “Fiori nel fango” come scrive lei, e molto altro… ogni frase è un epitaffio. Sono parole incise nella pietra, anzi in un vissuto di pietra. Un vissuto di morte e resurrezione; e poi ancora morte… Ma una storia d’amore. Amore come si deve, non stereotipi holliwoodiani, o peggio brodini RAI di prima serata.

 

Poi si va avanti, nel pomeriggio, pennichella compresa, forse un po’ disturbata, e dopo cena. Notte fonda, fino alla fine, dove la giovane, la puttana d’Albania, pregherà il Suo nome ad ogni granulo del rosario.

 

Si potrebbe scrivere molto altro, volendo giocare al lettore psicoanalista si potrebbe scomodare il campo delle distrofie neurovegetative, cercare farmaci, ecc. Ma io sono  solo un lettore e non voglio avventurami tra le motivazioni inconsce che stanno alla base del testo narrativo, dico solo che devono essere state forti e soprattutto autentiche, e testimonio un’esperienza di lettura. 

Grazie Veronica, non so chi sei, ma so come ami.Veronica Tomassini

 

 

 

Post scriptum: che cosa ascolterei con questo libro.

Non è per niente facile. La prima cosa che mi viene in mente è Archie Shepp, pensa un po’… sarà per il suono aggressivo, spezzato, ma anche caldo e controllato. Boh! L’importante in ogni caso è non aggiungere contenuto ansiogeno all’ambiente di lettura; e qui forse la black music rivoluzionaria degli anni sessanta non è il massimo della coerenza. Forse è meglio tentare di cogliere un lato in qualche modo romantico per questo amore neuro distonico… forse Skrjabin. Ecco, va già meglio: un pezzo di Skjabin per pianoforte, bisogna cercare nella discografia.

Ma dopo qualche decina di minuti ecco la soluzione. Come sempre viene da sola, per serendipità, mentre cerchi qualcos’altro. E’ Arnold Shȍemberg, e precisamente il suo Verklȁrte Nacht. Provare per credere… direi soprattutto dopo la lettura, con le luci spente e il sentimento acceso. Qui c’è il tardo romanticismo estremo e distonico, c’è il disarmonico annuncio della futura atonalità, ma c’è anche un sentimento d’amore intenso e doloroso. Insomma, c’è Sangue di cane, di Veronica Tomassini.

 

 

Condividi post
Repost0
25 marzo 2011 5 25 /03 /marzo /2011 10:04

Dear comrades,

                              posso inziare auspicando buone letture a tutti.

Leggere per dissentire, of course.

Considero il dissenso un sentimento più che un aBerlusconi-felice-072.JPGtteggaimento e sono convinto che solo questo sentimento permette oggi di mantenere intatta l'indipendenza.

Indipendenza della mente, of course.

Per noi occidentali del benessere infatti la principale minaccia ad una vita sana e serena è la dieta mediatica cui siamo sottoposti. Una dieta pesante, ansiogena e incivile. Lasciamoci perciò prendere dal sentimento del lettore dissidente e puntiamo a contrastare il flusso mediatico. Ecco, se il nostro blogging funzionerà, conto prossimamente di postare esperienze di lettura.

 

La lettura è una attività che presuppone un contrasto, la lettura non è passiva, è creativa, critica e formativa. Modella la coscienza, insomma fornisce alla nostra mente la forza dell'equilibrio emotivo.

L'equilibrio del dissenso, appunto.

 

 

Un saluto

Francesco

Condividi post
Repost0
25 marzo 2011 5 25 /03 /marzo /2011 09:44

Questo è il primo articolo del tuo blog. È stato creato automaticamente per aiutarti ad iniziare su OverBlog. Puoi modificarlo o eliminarlo attraverso la sezione "pubblica" dell'amministrazione del tuo blog.

Buon blogging

L'équipe di OverBlog

PS : per collegarti alla tua amministrazione appuntamento sul portale blog OverBlog

Condividi post
Repost0